Io non scordo. Giorno del Ricordo 2011 a #ChiesinaUzzanese.

Io non scordo. Giorno del Ricordo 2011 a #ChiesinaUzzanese.

Il 30 Marzo 2004 il parlamento ha approvato una legge (testo integrale) che ha portato all’ “Istituzione del «Giorno del ricordo» in memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata, delle vicende del confine orientale e concessione di un riconoscimento ai congiunti degli infoibati“.Il Comune di Chiesina Uzzanese insieme al Comitato 10 Febbraio ha organizzato una serata per riflettere su questa data importante ma sempre poco considerata.

Siete tutti invitati a partecipare Giovedi 10 Febbraio alle ore 21 presso il Centro Civico L. Mazzocchi situato in Via Guido Rossa 30 a Chiesina Uzzanese(vicino al campo sportivo). Alla serata parteciperà anche l’avvocato ANDREA GASPERINI ed un ESULE ISTRIANO.

Condividi su
Nessuno resterà isolato a #ChiesinaUzzanese.

Nessuno resterà isolato a #ChiesinaUzzanese.

Nei Giorni scorsi sui vari giornali locali sono state riportate le giuste critiche dei commercianti per la prevista chiusura di Via Livornese di Sopra. Questa chiusura, nei giornali si dice fino al 31 Luglio 2011, avrebbe isolato la parte chiesinese che, per intendersi, porta a Borgo a Buggiano con un conseguenza critica per i negozi della zona che lavorano soprattutto con clientela di passaggio. Negli articoli però non si ricorda che la così detta “Bretellina” è stata voluta dalla passata amministrazione e non è che sia stata accolta molto bene da gran parte dei cittadini, alcuni dei quali si sono anche visti espropriare i campi per costruire quest’opera.

Nonostante tutto il nostro Sindaco ha trovato un accordo con la provincia, che sta seguendo i lavori, rappresentata dall’Assessore Mari, e sarà creata una strada provvisoria che permetterà di evitare il blocco del traffico. Questa strada sarà a doppio senso e adatta anche per i mezzi pesanti.

 IL PROBLEMA…

LA SOLUZIONE…

Condividi su
Lunedi 31/1 il primo Consiglio Comunale 2011. #ChiesinaUzzanese

Lunedi 31/1 il primo Consiglio Comunale 2011. #ChiesinaUzzanese

Il prossimo 31 Gennaio presso il Centro Civico Mazzocchi si svlogerà il primo Consiglio Comunale del 2011. Fra i punti più importanti c’è la nomina del nuovo revisore dei conti e tre mozioni presentate dal gruppo consiliare PdL riguardo a il codice europeo di comportamento per gli eletti locali e regionali, alla libertà religiosa dei Cristiani nel mondo e a proposito della possibile eliminazione del reparto di pediatria dell’Ospedale di Pescia.

1) Lettura ed approvazione del verbale della seduta del Consiglio comunale tenutasi in data 20/12/2010.

2) Comunicazioni.

3) Interrogazioni.

4) Rinnovo Commissione edilizia comunale.

5) Rettifica limite di zona a Regolamento Urbanistico Comunale. Adozione.

6) Modifiche alla convenzione relativa all’attuazione del Piano Attuativo PA 9. – Area residenziale “C1” posta lungo via F. Turati angolo Via XXV Aprile. Approvazione.

7) Revisione economico-finanziaria periodo 01/02/2011 – 31/12/2013. Affidamento incarico.

8.) Riscossione delle entrate attualmente affidate in concessione a partire dal 1°/01/2011.

9) Mozione, presentata dal gruppo consiliare PDL, sull’adozione del Codice Europeo di comportamento per gli eletti locali e regionali.

10) Mozione, presentata dal gruppo consiliare PDL, ad oggetto “Iniziative politiche e di sensibilizzazione in difesa del diritto alla libertà religiosa dei cristiani nel mondo, vittime di persecuzioni culminate nell’attentato di Alessandria d’Egitto”.

11) Mozione, presentata dal gruppo consiliare PDL, riguardante l’eliminazione del reparto di pediatria dell’Ospedale di Pescia

Condividi su
Bilancio 2011. Investimenti 2011-2013. #ChiesinaUzzanese.

Bilancio 2011. Investimenti 2011-2013. #ChiesinaUzzanese.

Nell’ultimo Consiglio Comunale, quello del 21-12-2010, è stato approvato il Bilancio Previsionale del 2011 e il piano degli Investimenti triennali. Nonostante l’entrata diminuita di circa 100.000 € la spesa per il Sociale non è stata diminuita ma bensì aumentata.

Per il 2011, prevendendo un entrata per 200.000 € di oneri di urbanizzazione, si è stanziato:

– 30.000 per l’illuminazione pubblica

– 70.000 per la manutenzione straordinaria del patrimonio

– 100.000 per realizzare 2 parcheggi e migliorare la viabilità nel centro del paese

– 70.000 per la realizzazione delle opere cimiterialiI due parcheggi sono previsti al posto dell’ex-parcheggio del distributore IP situato nella zona adiacente alla Piazza Vittorio Emanuele II e al posto della rampa, ora inutilizzata, situata in Piazza Mazzini.

Questo un altro messaggio chiaro della nostra amministrazione che vuol far rivivere il paese e aumenta i posti auto disponibili per abitanti e non. Per quanto riguarda le opere cimiteriali sono partite di giro e quindi sono proventi di vendite cimiteriali che devono essere re-investite nel cimitero.

Per quanto riguarda il 2012 abbiamo previsto 250.000 € di entrate per oneri di urbanizzazione e gli investimenti sono ripartiti in :

– 50.000 per l’illuminazione pubblica

– 100.000 per la manutenzione straordinaria patrimonio

– 100.000 per la manutenzione stradale

– 100.000 per la realizzazione delle opere cimiteriali

– 300.000 € di mutuo per realizzare la nuova Biblioteca Comunale

Per il cimitero è lo stesso discorso del 2011, quello che proviene dal cimitero viene investito nel cimitero, mentre per gli altri investimenti è difficilmente preventivabile come saranno spesi dettagliatamente considerando che possono concretizzarsi delle emergenze irrimandabili. Importante è far notare che gli investimenti da anno ad anno aumentano e cioè significa una previsione di crescita del paese.Per quanto riguarda la nuova Biblioteca Comunale si prevede che la sua nuova collocazione sia quella della attuale Pubblica Assistenza, che come tutti sapete si sposterà in zona Parco Pertini.

La nuova biblioteca, all’avanguardia e innovativa, è un punto cardine del nostro programma e spero sia realizzata nei tempi del mandato.Per quanto riguarda il 2013 prevediamo un altro aumento delle entrate per oneri di urbanizzazione fino a 300.000 €In consiglio Comunale la minoranza ci ha accusato sia di spendere troppo che di spendere poco. Abbiamo intrapreso una strada che ci permette, grazie ad una oculata previsione, di poter investire sul territorio senza sfociare in spese folli. Per il 2012 sono previsti investimenti per un totale di 650.000 €, cifre paragonabili a un bilancio di Comune ben più grande del nostro. Il tempo ci darà ragione.

Condividi su
Impianti Fotovoltaici. Ora il regolamento a #ChiesinaUzzanese.

Impianti Fotovoltaici. Ora il regolamento a #ChiesinaUzzanese.

Grazie al lavoro dell’assessore Benedetti, supportato dai Consigliere Comunali Gabbrielleschi, Guidi e Baldaccini, l’ufficio tecnico di Chiesina Uzzanese ha stilato un regolamento che può risultare utile a coloro che vogliano installare un impianto fotovoltaico su terreni agricoli.

A seguire il regolamento stesso adottato dopo la votazione in Consiglio il 21-12-2010:

Art. 1 – PremesseCon la Direttiva 2001/77/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, approvata in data 27 settembre 2001, la Comunità Europea ha delineato il quadro normativo comunitario sulla promozione dell’energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell’elettricità. Con tale atto legislativo, si è riconosciuta la priorità, a livello comunitario, della promozione di elettricità da fonti energetiche rinnovabili. Sono considerate fonti rinnovabili le fonti rinnovabili non fossili (art. 2): eolica, solare, geotermica, moto ondoso, maremotrice, idraulica, biomassa, gas di scarico, gas residuati dai processi di depurazione e biogas.Successivamente, lo Stato Italiano, con l’approvazione del D.Lgs. 29 dicembre 2003, n.387, ha dato attuazione alla citata Direttiva europea. Al comma 10 art. 12 il decreto 387/03 prevede l’approvazione in Conferenza unificata, su proposta del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e del Ministro per i beni e le attivita’ culturali, di linee guida per lo svolgimento del procedimento di autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili e in particolare per assicurare un corretto inserimento degli impianti nel paesaggio, con specifico riguardo agli impianti eolici; tali linee guida sono state emanate con decreto del 10/09/2010 pubblicato in G.U. n°219 del 18/09/2010 entrate in vigore il 3/10/2010 e prevedono che le regioni adeguino le rispettive discipline entro novanta giorni e cioè entro il 01/01/2011.

Art. 2 – DefinizioniImpianto fotovoltaico: impianto costituito dall’insieme dei dispositivi atti a trasformare l’energia solare in energia elettrica, comprensivi dell’area di occupazione della superficie coperta dai moduli fotovoltaici, dei locali tecnici e delle opere accessorie o connesse quali cavidotti ed elettrodotti di collegamento, strade di servizio, opere di recinzione e impianti di sorveglianza.

Art. 3 – Ambito di applicazioneIl presente regolamento si applica agli impianti fotovoltaici realizzati in zone classificate agricole, in particolare per le zone classificate “E1” dallo strumento urbanistico vigente, di cui all’art.5.

Art. 4 – AutorizzazioniIl titolo abilitativo necessario alla realizzazione degli impianti fotovoltaici oggetto del seguente regolamento è stabilito dalla normativa nazionale e regionale attualmente in vigore.

Art. 5 – Aree idoneePremesso che le sole Regioni e Province autonome possono porre limitazioni e divieti in atti di tipo programmatorio o pianificatorio per l’installazione di specifiche tipologie di impianti alimentati a fonti rinnovabili come stabilito all’art 1.2 delle linee guida nazionali, in attesa che la regione stabilisca le aree non idonee all’installazione di impianti fotovoltaici su terreno agricolo, il presente regolamento individua quali zone idonee quelle aventi tutte le seguenti caratteristiche:Zone classificate dall’attuale strumento urbanistico come “E1 – Aree ad agricoltura specializzata florovivaistica”.Zone con pericolosità idraulica inferiore a 4 in base al vigente Piano Strutturale.Zone non tutelate da vincolo paesaggistico ai sensi dell’art. 142 del D.lgs. n°42 del 22/01/2004.

Art. 6 – Misure di salvaguardia e mitigazione a tutela della bio-diversitá e del paesaggio rurale.Considerate le caratteristiche del territorio e la necessità di tutelare il relativo paesaggio, nonché fatte salve le norme in materia di valutazione di impatto ambientale e di incidenza ambientale, la realizzazione di impianti di qualsiasi potenza nominale in aree tipizzate agricole dal vigente R.U., si intende subordinata al rispetto ed all’attuazione delle seguenti misure di salvaguardia e mitigazione:il limite massimo di copertura degli impianti non potrà essere superiore al 50% della superficie totale dell’area interessata dall’intervento, da calcolarsi secondo la proiezione ortogonale a terreno della superficie specchiante (superficie velica dei moduli fotovoltaici). La vegetazione insistente sul suolo dell’impianto deve essere decespugliata meccanicamente e, comunque, senza l’utilizzo di diserbanti;la superficie interessata dall’intervento dovrà essere delimitata da schermi verdi con piante autoctone (alberature, siepi, ecc.);gli scavi, i movimenti di terra e le eventuali fondazioni non potranno essere realizzati a una profondità >250 cm dal livello del terreno;l’altezza massima delle installazioni dell’impianto non potrà essere superiore a 220 cm. dal suolo;dovrà essere garantita una percentuale di copertura/sigillatura del terreno non superiore al 5% dell’area medesima; le infrastrutture (cabine elettriche), la viabilità e gli accessi indispensabili alla costruzione e all’esercizio dell’impianto dovranno essere esclusivamente quelle strettamente necessarie al funzionamento dell’impianto stesso e a tale scopo dimensionate; le infrastrutture di cui alla precedente lettera f) non possono avere altezza superiore a quella consentita per l’impianto stesso dall’art. 6, lett. d), del presente Regolamento, pari a 220 cm. dal suolo;la viabilità dovrà essere realizzata in materiale arido (“strade bianche”);distanza dalle strade e dai confini: come da Codice della Strada, Codice Civile e Regolamento Urbanistico vigenti.

Art. 7 – Dismissione degli impiantiAl termine della vita utile dell’impianto tutti i campi fotovoltaici – comprensivi di eventuali corpi o manufatti accessori – dovranno essere smantellati a cura e spese del titolare dell’impianto o, nel caso egli non provveda, del proprietario del terreno, con contestuale rimessa in pristino del sito entro un anno. Tale circostanza dovrà essere esplicitamente riportata nel titolo abilitativo. Il periodo di un anno è prorogabile, su istanza motivata dell’interessato, previa autorizzazione dell’autorità competenteIl titolare dell’impianto, o, eventualmente, il proprietario del terreno provvederanno allo smaltimento degli eventuali rifiuti speciali che scaturiscano dall’esercizio e dalla dismissione dell’impianto.Il termine della vita utile dell’impianto è dato dalla mancata funzionalità dell’impianto stesso, determinata dal permanere per un periodo di almeno sei mesi di una produzione elettrica inferiore al 20% della potenza originaria di picco. Tale circostanza deve essere comunicata al Comune entro un mese dal verificarsi della stessa. A partire dal 15° anno dal termine dell’installazione dell’impianto, il titolare è obbligato a produrre all’Amministrazione Comunale documentazione idonea a garantire la permanente funzionalità dell’impianto.L’omissione delle misure di smontaggio, smaltimento dei rifiuti e ripristino del sito nei termini di cui al presente Regolamento comporterà l’intervento sostitutivo dell’Amministrazione e l’applicazione delle sanzioni penali di cui al Decreto Legislativo 380/2001 e s.m.i.È fatta salva la possibilità per il titolare dell’impianto di procedere alla ristrutturazione dell’impianto, previo avvio dei procedimenti necessari.L’Amministrazione Comunale si riserva la facoltà di chiedere idonea garanzia fideiussoria per garantire lo smontaggio dell’impianto, lo smaltimento dei rifiuti e il ripristino del sito.

Art. 8 – Atto d’obbligo.Il titolo abilitativo per la realizzazione degli impianti di cui al presente Regolamento è condizionato alla stipula di un atto d’obbligo unilaterale, registrato e trascritto, da parte del titolare dell’impianto e del proprietario del terreno finalizzato all’assunzione degli obblighi di cui al presente Regolamento, soprattutto per quanto concerne la rimozione dell’impianto, lo smaltimento dei rifiuti e il ripristino del sito di cui all’art. 7.

Art. 9 – Misure compensative.Ai sensi dell’Allegato 2 al D.M. 10 settembre 2010 (che contiene le “Linee Guida Nazionali” per il procedimento per l’autorizzazione alla costruzione e all’esercizio degli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili) che fissa i criteri per la fissazione di misure compensative per l’installazione di impianti fotovoltaici il Comune di Chiesina Uzzanese adotta le linee di indirizzo secondo la tabella seguente, che è da intendersi come parte integrante del presente regolamento.Il soggetto proponente dovrà corrispondere, per una potenza elettrica da installare maggiore di 70Kw, i seguenti kw di potenza elettrica di benefit a favore del Comune di Chiesina Uzzanese, da realizzare propria cura e spese su proprietà comunale, secondo la schema seguente:Potenza elettrica installata dal richiedente Potenza elettrica dell’impianto da realizzare su proprietà comunaleFino a 70Kw esente>70Kw, fino a 150Kw 2 Kw>150Kw 1Kw ogni 50Kw, o frazione, installati dal richiedenteArt. 10 – SanzioniIl mancato rispetto delle prescrizioni di cui al presente Regolamento comporta l’applicazione della sanzione amministrativa di € 500, prevista dall’art. 7 bis del Decreto Legislativo 267/2000 e s.m.i., qualora la fattispecie non sia già sanzionata da altre disposizioni di natura urbanistica, edilizia o ambientale.

Condividi su