#ChiesinaUzzanese, il resoconto del Consiglio Comunale del 9 Marzo 2019: chiuso il bilancio 2018 e impegnati 400.000€ di avanzo di amministrazione.

#ChiesinaUzzanese, il resoconto del Consiglio Comunale del 9 Marzo 2019: chiuso il bilancio 2018 e impegnati 400.000€ di avanzo di amministrazione.

Questa mattina si è tenuto il primo Consiglio Comunale del 2019. All’ordine del giorno numerosi atti riguardanti il bilancio e altre cose utili al nostro paese.

Al punto all’ordine del giorno abbiamo approvato il Verbale della seduta precedente, quella del 29 Dicembre, mentre al punto n° 2 e 3 non erano presenti comunicazioni e interrogazioni.

Il punto all’ordine del giorno riguardava l’approvazione del nuovo Regolamento del Servizio di Trasporto scolastico. Al di là di alcune modifiche tecniche la novità, che nei mesi passati ci era stata richiesta da molti genitori, sarà quella che i ragazzi frequentanti la Scuola Media potranno scendere dal pulmino autonomamente con una liberatoria firmata da entrambi i genitori.

Il quinto punto all’ordine del giorno è stata una ratifica di una variazione al bilancio di previsione e al DUP approvato in Giunta lo scorso Febbraio. La variazione si era resa necessaria soprattutto per l’arrivo di 50.000€, grazie al Decreto Sicurezza, che sono destinati alle strade.

Il punto n° 6 era una delibera riguardante il Bilancio Consolidato. Il comma 3 dell’art. 233-bis del TUEL permette ai piccoli comuni di evitare di fare il bilancio consolidato, una tipologia di bilancio che tiene in considerazione anche le partecipate. Essendo un piccolo comune e avendo limitatissime partecipazioni abbiamo deciso di non realizzare un bilancio consolidato e proseguire con quello tradizionale.

Il 7° punto all’ordine del giorno riguardava il Rendiconto di Gestione, il vecchio consuntivo, cioè la chiusura del bilancio 2018. Quest’anno avanzo di amministrazione per il 2018 è pari a 1.095.000€ circa, suddiviso in 355.000€ di parte accantonata, 96.000€ per investimenti e 644.000€ disponibile.

Fortunatamente dallo scorso Novembre, con una sentenza della Corte Costituzionale, i Comuni hanno maggiore libertà di spesa del proprio avanzo di amministrazione. Una sentenza che ha liberato moltissimi fondi in tutta Italia e permette ai Comuni di fare quello che i cittadini si aspettano: usare le tasse in lavori e servizi.

Proprio per questo, con il punto n° 8 all’ordine del giorno, abbiamo applicato l’avanzo di amministrazione.

Per quanto riguarda la parte per investimenti abbiamo destinato:

  • 5.000€ al parcheggio in via Dante Alighieri (accanto alla banca)
  • 30.000€ per la segnaletica stradale
  • 35.000€ per manutenzione di Parchi e Giardini
  • 20.000€ per il Cimitero

Per quanto riguarda la parte disponibile abbiamo impegnato:

  • 180.000€ nella manutenzione delle strade
  • 35.000€ per la videosorveglianza
  • 15.000€ per gli edifici scolastici
  • 25.000€ per l’illuminazione pubblica
  • 10.000€ per la manutenzione degli immobili comunali
  • 20.000€ per la revisione del regolamento urbanistico
  • 25.000€ per l’asfaltatura di via della priora (questo stanziamento riguarda una strada che è al confine con Pescia e sarà riasfaltata insieme al Comune di Pescia; questo stanziamento prevede la metà del costo dei lavori)

Un totale di 400.000€

Il nono punto all’ordine del giorno era l’approvazione della gestione associata della funzione turismo fra i Comuni della Valdinievole. Il capofila di questa gestione associata sarà Montecatini Terme e il costo per il nostro Comune sarà di 750€. La cifra complessiva si attesta sui 30.000€ e la suddivisione fra i vari Comuni si basa per il 30% sulla popolazione e per il 70% sulle presenze turistiche.

L’ultimo punto all’ordine del giorno, ma non per importanza, era il decimo: “Varianti puntuali al piano strutturale. Avvio del procedimento”. Con questa delibera si è dato il via all’iter di alcune modifiche al piano strutturale (il vecchio piano regolatore). Dopo questa prima delibera passeranno 45 giorni in cui potranno esser fatte delle osservazioni e successivamente il Consiglio Comunale potrà approvare le modifiche. Le varianti puntuali sono alcune modifiche richieste o necessarie per aggiornare l’attuale piano. Per citarne alcune ci sono delle modifiche riguardanti delle definizioni tecniche necessarie con la modifica delle normative regionali, l’ampliamento dell’area cimiteriale, alcune modifiche riguardanti l’area presente davanti alla biblioteca, interessante per la popolazione poiché dovrebbero nascerci parcheggi e verde pubblico a servizio della zona, e ulteriori piccole modifiche. Questa variante, dopo aver ricevuto l’ok di Regione, Provincia, Genio Civile e geologo è arrivata in Consiglio Comunale.

Condividi su