#ChiesinaUzzanese. Resoconto del Consiglio Comunale del 30 Dicembre 2022.

#ChiesinaUzzanese. Resoconto del Consiglio Comunale del 30 Dicembre 2022.

Questa sera si è tenuto l’ultimo Consiglio Comunale del 2022 dove siamo andati ad approvare il bilancio di previsione 2023 e tutti i relativi allegati. Qua l’ordine del giorno.

Al primo punto all’ordine del giorno, come di consueto, abbiamo approvato il verbale della seduta precedente, quella del 30 Novembre scorso.

Il secondo punto all’ordine del giorno riguarda la ricognizione delle partecipazioni possedute dal Comune. Questa delibera è un atto dovuto che deve essere effettuato ogni anno. Dalla ricognizione annuale niente è cambiato rispetto all’anno precedente e le partecipazioni possedute sono sempre le stesse: piccole quote di Acque SPA, Toscana Energia SPA e SPES. In base alla legge, e vista la natura delle società di cui siamo piccoli proprietari, non c’è bisogno di alienare nessuna quota.

Al terzo punto all’ordine del giorno abbiamo modificato alcuni dettagli nel regolamento per il canone patrimoniale, il regolamento che ha sostituito quello per il suolo pubblico e l’esposizione pubblicitaria. Non ci sono grosse novità ma siamo andati a correggere alcune agevolazioni che sono presenti all’interno del regolamento sul costo annuale delle aree in concessione.

Al quarto punto all’ordine del giorno abbiamo approvato alcune modifiche al regolamento TARI che si sono rese necessarie a seguito di alcune indicazioni di ARERA. È stata inserita la possibilità di ulteriore rateizzazione per i destinatari del bonus elettrico e gas oltre ad una regolamentazione più snella per l’iscrizione al servizio tramite mail e sul rimborso dei crediti.

Al quinto e sesto punto all’ordine del giorno abbiamo approvato due delibere sulla verifica delle quantità delle aree che potrebbero essere cedute o degli immobili che sono suscettibili di alienazione o valorizzazione. Due atti obbligatori per legge che attestano che il Comune non ha aree da cedere mentre sono presenti alcuni appezzamenti e aree peep in diritto di superficie che potrebbero essere alienati o valorizzati.

Il settimo punto all’ordine del giorno è stata l’approvazione del piano degli investimenti e del programma dei lavori pubblici per il triennio 2023/2025. Anche questo, come tutti gli atti propedeutici al bilancio, un atto dovuto per legge che elenca tutti i lavori pubblici programmati per il prossimo triennio. Complessivamente opere che per il nostro Comune superano i 5 milioni di euro. Niente di nuovo rispetto a tutto ciò che vi abbiamo comunicato in questi mesi rispetto ai fondi stanziati e ai bandi vinti.

L’ottavo punto all’ordine del giorno è stata l’approvazione del DUP (Documento Unico di Programmazione) 2023/2025 e del Bilancio di Previsione 2023/2025. Il punto più importante di questo Consiglio Comunale che ci permetterà di iniziare il 2023 nel corretto modo. Non è stato facile riuscire a far quadrare le previsioni di tutti i capitoli di bilancio principalmente per via dell’incognita sul costo dell’energia. Come vi avevo già detto, nell’ultima variazione di bilancio in cui abbiamo impegnato l’avanzo di amministrazione è stato previsto un fondo specifico per coprire, nel caso ce ne fosse bisogno, i maggiori costi energetici dell’ente. Questo è stata la chiave di volta che ci ha permesso di approvare entro il 31/12 il nostro bilancio di previsione. Con una punta di dispiacere, perché purtroppo i tempi sono questi, non ci sono molte novità per quanto riguarda la parte corrente: le entrate sono stabili rispetto all’anno scorso visto che aliquote e tariffe sono rimaste invariate mentre per quanto riguarda le uscite ci sono stati alcuni ritocchi ai capitoli riguardanti i costi energetici ma nessun servizio e/o iniziativa ha ricevuto tagli importanti.

Il nono punto all’ordine del giorno è stato il conferimento dell’incarico al nuovo revisore dei conti per il prossimo triennio. La figura del revisione dei conti è fondamentale per il buon funzionamento dell’ente perché, assieme al responsabile del servizio finanziario, svolge un ruolo di controllo e supporto per tutto quello che riguarda i conti dell’ente. Dopo tre anni ringraziamo per il lavoro svolto Maria Dorinda Nibaldi e auguriamo buon lavoro a Emilio Ranieri. Per chi non lo sapesse la scelta del revisore dei conti non viene effettuata dal Sindaco o da qualche altro organo del Comune ma viene effettuata un’estrazione a sorte in Prefettura dove viene assegnato ad ogni ente un revisore.

L’ultimo punto all’ordine del giorno, il decimo, è stata l’approvazione di una mozione a sostegno delle donne iraniane “Donna, vita, libertà”. Quest’ultimo punto dell’anno 2022 è stata una mozione sulla libertà delle donne in Iran che ho già personalmente approvato in Consiglio Provinciale ed è nata in seno alla Commissione Regionale Pari Opportunità della Toscana. È superfluo vi sottolinei quanto sia importante per me il valore della libertà, a maggior ragione in territori del mondo in cui questo valore viene calpestato giornalmente nei confronti non solo delle donne ma di tutti gli esseri umani.

Condividi su